PARCHEGGIO CONDOMINIALE: ECCO COSA C’È DA SAPERE

Il parcheggio di autoveicoli nell’androne condominiale, anche temporaneo, può essere vietato se la presenza delle auto non consente ai pedoni di raggiungere le unità immobiliari e tanto meno il transito dei veicoli verso le autorimesse poste nell’edificio.

Il condomino che acquisti un’autovettura più grande della precedente, che in quanto tale non entri nel posto assegnato, non può pretendere che il giudice ordini al Condominio di ridefinire gli spazi adibiti a parcheggio Il divieto di parcheggiare nell’area condominiale può essere previsto solo da un regolamento contrattuale o da un accordo al quale abbiano aderito tutti i condomini.

La Corte di Cassazione ha stabilito che se una persona, invitata a spostare l’auto che impedisce ad altra autovettura parcheggiata nel cortile condominiale di uscire sulla pubblica via, rifiuta di farlo, commette il reato di violenza privata,punito dal codice penale con la reclusione sino a 4 anni.

Il condomino non può parcheggiare la propria auto in un vialetto condominiale se questo tipo di utilizzo rende agli altri condomini meno agevoli le manovre di entrata e uscita dai garage.

La locazione del cortile per uso parcheggio ad alcuni condomini è possibile col consenso di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *